Translate

giovedì 5 giugno 2014

Il Barbiere di Siviglia (5) - Libro di lettura

Copertina del libro Mursia
Cominciamo ad addentrarci nella trama dell'opera, leggendo insieme il libro della Mursia, della collana Beccogiallo (13 euro), una serie che già avevamo incontrato per Il Flauto Magico: si intitola semplicemente Il Barbiere di Siviglia. La trama è semplificata e illustrata con bei disegni.  (www.mursia.com).  Molto utile la suddivisione in capitoli (o episodi) perchè aiuta a comprendere la vicenda e anche il testo di alcune arie famose (per godersi un'opera lirica è fondamentale avere tra le mani il libretto). 

La serenata
Cominciamo... innanzi tutto bisogna avere ben chiaro che Rossini ha scritto la musica, mentre il libretto lo ha scritto un signore un po' meno famoso, che si chiama Cesare Sterbini. Ma la storia non l'ha inventata lui! L'ha "presa" da una commedia teatrale un altro autore, francese, che si chiama Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais... non è una semplice traduzione però! Un librettista deve adattare il testo da "mettere in musica" alle esigenze dell'opera lirica, quindi non è un lavoro facile!
I personaggi che vi ho presentato sopra sono dunque i protagonisti de Il Barbiere di Siviglia, che è un'opera buffa di Gioachino Rossini del 1816 su libretto di Cesare Sterbini tratto da una commedia di Beaumarchais. Questa è la frase che dovete ricordare. Opera, perchè i personaggi recitano cantando (nella commedia di Beaumarchais i personaggi recitano parlando!); buffa, perchè l'argomento è "leggero", fa ridere e finisce bene (se fosse una storia tragica si chiamerebbe Opera seria). La vicenda è rappresentata in un teatro con scene e costumi e l'orchestra nella buca (= lo spazio sotto il palcoscenico) che suona. Proprio all'orchestra è affidato l'inizio dell'opera, che si chiama Sinfonia o Ouverture ed è un brano strumentale suonato dall'orchestra, che ai tempi di Rossini aveva la funzione di richiamare il pubblico all'attenzione, un po' come oggi le luci che si spengono in sala prima che lo spettacolo inizi o la sigla dei cartoni animati. Anche perchè ai tempi di Rossini la gente che andava a teatro non stava in silenzio come accade oggi: pensate che giocavano a carte, mangiavano, bevevano e ballavano... se uno facesse così oggi lo caccerebbero fuori!

La serenata.
E' quasi l'alba e le strade di Siviglia sono deserte... Ma sotto il balcone della bella Rosina c'è movimento. Fiorello, il servo del Conte d'Almaviva, raduna un gruppo di musicisti per fare una serenata alla bella Rosina.... quando è tutto pronto il Conte arriva avvolto in un mantello per non essere riconosciuto. Egli è innamorato di Rosina e vuole dichiarare il suo amore con una canzone.


Il Conte che canta la sua serenata
Alla fine della serenata, il Conte è disperato perchè Rosina non è uscita dalla finestra del balcone. Congeda i suonatori con una ricompensa e poi resta solo. Si sente canticchiare per strada... chi sarà? E' Figaro! che si presenta in scena cantando la sua famosissima cavatina.
Il Conte ricorda di aver già incontrato quel faccendiere da qualche parte... decide così di affidarsi a lui.

Figaro  intona la sua cavatina
Il Conte di Almaviva chiede a Figaro un aiuto per conquistare Rosina e in particolare per avvicinarla, perchè pare impresa impossibile dato che don Bartolo la tiene segregata in casa. Detto fatto! Figaro accetta di aiutare il Conte (in cambio riceve un bel gruzzolo di monete...): per lui è facile entrare in quella casa, perchè è il barbiere di don Bartolo e in più svolge una serie di piccoli lavoretti in casa. Benissimo, i due sono d'accordo, ma quale sarà la strategia di Figaro?

Rosina e Don Bartolo
Intanto Rosina esce sul balcone... ha sentito la serenata di un giovane che da un po' vede sotto casa sua... e le piace. Perciò ha preparato un biglietto per lui. Ma ahimè, a don Bartolo nulla sfugge e si accorge del pezzo di carta nelle mani di Rosina. Lei gli racconta che si tratta del testo di un'aria che sta imparando a cantare... (l'aria si intitola "L'inutil precauzione" che è anche il sottotitolo dell'opera), ma Don Bartolo non è troppo convinto! Rosina lo lascia scivolare giù dal balcone e il Conte riesce a prenderlo. Don Bartolo scende per cercare di intercettare il biglietto ma torna a casa a mani vuote e con la sensazione di essere stato ingannato.

Il biglietto diceva più o meno: "Sono curiosa di conoscerti, il mio signor tutore mi tiene chiusa in casa, ma io riuscirò a fuggire e incontrarti".

don Bartolo esce di casa
Il Conte, approfittando del fatto che Don Bartolo esce di casa, canta una seconda canzone a Rosina in cui si presenta sotto falsa identità: "Sono Lindoro, un ragazzo qualunque"...

Conosciamo anche Rosina... nell'interpretazione di Cecilia Bartoli, una cantante molto famosa.
Rosina:


Figaro svela il piano al Conte
A questo punto entra in gioco Figaro che svela al Conte il suo piano: "Ti devi travestire da Soldato. Oggi arriva in città un Reggimento e il Colonnello è un mio amico. Posso facilmente chiedergli di darmi una carta in cui si dice che don Bartolo deve ospitare in casa un soldato (si usava così, la carta si chiama "biglietto di alloggio", ma non sa che don Bartolo ha fatto di tutto per ottenere l'esenzione da quest'obbligo, per non ospitare soldati in casa sua...). Così potrai entrare in casa e vedere Rosina...ma.. aspetta! Devi fingerti ubriaco". "Ma perchè??" chiede il Conte. "Perchè così don Bartolo non si insospettirà e non ti considererà un possibile rivale in amore".

don Basilio e don Bartolo
Intanto, mentre il Conte si organizza, arriva a casa di Rosina don Basilio, il Maestro di musica. Lui sta dalla parte di don Bartolo e vuole aiutare il vecchio a sposare Rosina. Don Basilio, che è un impiccione, è venuto a sapere che il Conte si trova a Siviglia e che è innamorato di Rosina... occorre fare qualcosa per ostacolarlo, altrimenti conquisterà la ragazza e la vorrà sposare. Ecco il piano di don Basilio: diffondere una calunnia sul Conte... cioè "sparlare" di lui, mettere in giro voci brutte sul suo conto. Ed ecco col suo vocione (don Basilio è un BASSO, cioè ha una voce mooolto grave) cosa dice a don Bartolo in questa famosa Aria nota come "LA CALUNNIA":

La calunnia, regia di Ponnelle:



Poi, arriva in casa il Soldato ubriaco, creando uno scompiglio e una confusione incredibili. Chiama don Bartolo prima "don Balordo" poi "don Bertoldo" poi "dottor Barbaro" facendolo arrabbiare non poco.

Il conte travestito da soldato
Ecco l'entrata in scena del Conte travestito da soldato ubriaco (regia di Ponnelle):



Il Conte/soldato affronta Bartolo
I personaggi creano un tal baccano che si sente fino in strada tanto che qualcuno chiama la Polizia. Arriva la Polizia e fa per arrestare il Soldato (cioè il Conte), ma lui rivela alle guardie la sua identità (solo alle guardie non a don Bartolo!) e, siccome è un uomo nobile e conosciuto come brav'uomo, la polizia lo lascia stare... il risultato è che don Bartolo non capisce più niente e rimane di sasso... così, nel caos più totale si conclude il I atto dell'opera:

 


LA discussione si trasforma in rissa...
Ho scelto questi 4 video, che hanno anche un certo movimento e hanno degli elementi visivamente comici, perchè forse possono attrarre i bambini e ragazzi più di altri. Fanno parte di un'edizione storica del Barbiere di Siviglia, diretta da Claudio Abbado, Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, regia di Ponnelle. Non è semplice tenerli davanti a questi pezzi senza Tom & Jerry, ma ci potete provare, la musica è comunque molto allegra e di facile ascolto. Almeno si possono fare un'idea generale dell'opera. I personaggi sono buffi e se prima raccontate bene loro la storia e li aiutate ad identificarli, vi assicuro che loro guarderanno le scenette, che sono comunque corte e non richiedono uno sforzo eccessivo. Poi però, se un domani andranno a teatro vedrete che soddisfazione per loro incontrare i personaggi che già conoscono e riconoscere la musica che hanno ormai nella testa! Cambia tutto se si va a teatro "preparati".

Se volete poi acquistare un dvd dell'opera integrale, nei prossimi Post vi suggerirò un'edizione adatta ai bambini (ma anche a voi adulti), perchè molto colorata e allegra, essenziale nella messinscena e cantata da grandissimi interpreti di oggi.

Intanto,andiamo avanti con la storia.
Eravamop rimasti alla confusione totale del finale d'atto I, in cui più nessuno, ma soprattutto don Bartolo, capiva più nulla:

Don Bartolo non capisce più nulla
Il giorno successivo, si presenta in casa di don Bartolo un altro sconosciuto: nuovamente il Conte sotto mentite spoglie: è don Alonso, Maestro di musica sostituto di don Basilio che è a casa che sta male (falso!)... infatti poi arriverà pure lui e si creerà un'altra confusione terribile. Prima però entra nella stanza Figaro, che riesce a organizzare di nascosto la fuga di Rosina.

Don Basilio non capisce più niente...
Don BAsilio viene allontanato per interesse ormai di tutti, facendogli credere di avere davvero la "febbre scarlattina"! in una scena tra le più divertenti dell'opera.

Alla fine, dopo ingarbugliamenti della situazione, travestimenti, inganni, stratagemmi, rivelazioni, Rosina e il Conte d'Almaviva (che si rivela nella sua vera identità) riescono a sposarsi e tutti alla fine ottengono qualcosa di buono... anche don Bartolo, perchè Rosina rinuncia alla sua dote che resta così nelle sue mani!

Nozze finali

I libri Mursia sono in vendita:
- in tutte le librerie italiane.

- alla Libreria Mursia di Milano (via Galvani, 24 - zona stazione Centrale) sono disponibili tutti i libri in catalogo. Per lavori di ristrutturazione è attualmente possibile ritirare il titolo richiesto presso la nostra libreria, su appuntamento, chiamando il numero 0284251121 o scrivendo una email a venditeonline@mursia.com chiedendo il ritiro in libreria.

- su questo sito internet.

- sulle librerie on line. http://www.mursia.com/

Nessun commento: